Vacanze last minute: un trend in crescita

Hai prenotato la tua vacanza estiva? In caso contrario, sei parte di un numero in rapida crescita di persone che sconvolgono la tradizionale corsa alla prenotazione a gennaio e febbraio e aspettano fino all’ultimo minuto – spesso l’ultimo minuto – per cercare di trovare qualcosa. Ma è la cosa giusta da fare? Forse no, secondo tanti esperti del settore vacanze e di scontistica online, come Webaia.

Le compagnie di viaggio hanno segnalato l’andamento crescente delle prenotazione tardive per molti anni. Ma perché tante persone ora cercano e/o prenotano le loro vacanze online (l’80 per cento degli italiani usa internet per ricercare i propri viaggi, secondo Google)?

Quello che è veramente sorprendente è quanto tardi molte persone decidano di prenotare. Le ricerche per le vacanze si attestavano sul loro picco circa due o tre settimane prima delle vacanze scolastiche principali, soprattutto all’inizio di maggio, ma anche poco prima di Pasqua o giù di lì, ma adesso il massimo viene toccato addirittura un paio di settimane prima della pausa di Ferragosto.

Una combinazione di fattori è entrata in gioco. Le persone non stanno così bene economicamente come lo erano alcuni anni fa, e la maggior parte sono molto meno sicure dei loro posti di lavoro di quanto fossero prima, e sono così inquiete nei confronti di impegni troppo lontani. Possiamo anche decidere di non fare una vacanza, e poi cambiare le nostre menti all’ultimo momento. Ma l’accesso al prezzo e alle informazioni fornite da internet sembra anche dare alla gente la fiducia di essere più in controllo della situazione e di trovare sempre un affare dell’ultimo minuto, o almeno una certa disponibilità, se anche fosse proprio difficile.

Ovvio, si potrebbe dire. Le vacanze scolastiche sono sempre state più costose. Ma non è solo il prezzo che è significativo. Se si vuole una buona vacanza, si ha bisogno di una scelta decente. Prenotare in ritardo rispetto alle vacanze scolastiche non è un problema. L’anno scorso, chi sceglieva di prenotare a giugno aveva a disposizione oltre quattrocento pacchetti a prezzi molto competitivi, ma ora per via del crescente numero di persone che prenotano le loro vacanze in famiglia all’ultimo minuto, il quadro non è più così roseo e c’è il rischio concreto di restare a casa o pagare un prezzo salatissimo pur di partire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *