cristiano ronaldo

Cristiano Ronaldo, un cyborg anche con la maglia del Portogallo

Ormai è inevitabile associare il nome di Cristiano Ronaldo alla parola record. Ci ha abituato molto bene l’asso portoghese, nel corso di tutti questi anni, fin da quando ha vestito per la prima volta la maglia del Manchester United. Poi l’epopea al Real Madrid, tra gol e Champions League e l’anno scorso l’approdo nel campionato italiano con la maglia della Juventus.

Ebbene, anche con la maglia del Portogallo il numero 7 continua a macinare record su record. Nell’ultima partita disputata relativa alla fase di qualificazione agli Europei, il fenomeno lusitano ha realizzato ben quattro gol nella trasferta in Lituania. Numeri che fanno spavento e che hanno fatto impazzire anche tutti gli scommettitori, che non si aspettavano di certo un bottino del genere. Ci sono vari siti casino che offrivano quote molto interessanti, ma chi ha deciso di scommettere sulla sua quaterna da urlo, sicuramente ha fatto un vero e proprio colpaccio, anche perché le piattaforme dedicate al gioco online ormai propongono davvero qualsiasi tipo di scommessa.

Cristiano Ronaldo è adesso il miglior marcatore nella storia delle qualificazioni europee

Se c’è un calciatore che più di ogni altro, in questo momento, sta riscrivendo la storia del calcio, quello risponde indubbiamente al nome di Cristiano Ronaldo. Attualmente, anche più di Messi. Record su record. Questa volta arrivano ben quattro goal in una serata in cui ha trascinato il suo Portogallo ad una comoda vittoria in casa della Lituania. Un match “facile” solamente perché ci ha messo il suo inconfondibile zampino.

Il Portogallo rimane al secondo posto nel gruppo B, con un distacco di cinque punti dall’Ucraina, che però ha una partita in più. Uno che ha vinto cinque volte il Pallone d’Oro sentiva vicino un altro primato e non poteva sbagliare. Questa volta gli mancavano tre gol per trasformarsi nel cannoniere più prolifico di ogni tempo nella storia delle qualificazioni agli Europei.

Detto, fatto. Cristiano Ronaldo, come al solito, ha voluto fare le cose in grande. E allora non si è limitato a segnare i tre gol necessari per portarsi a casa il record, ma ha voluto esagerare con un poker che si è abbattuto come un tornado sui lituani che, dopo l’1-1, stavano pregustando lo sgambetto ai più forti colleghi lusitani.

Quattro goal e nessuno uguale all’altro. Una capacità di trovare la porta che nessun altro giocatore ha in tutto il mondo. Una fame che non smette mai di calare e una ferocia agonistica e competitiva che non ha rivali. E pensare che al minuto numero 60, il punteggio era ancora inchiodato sull’1-1, con il rigore di CR7 (e chi altri?) che aveva sbloccato il match.

Il ciclone Cristiano Ronaldo vuole ora un altro primato

Poi il numero 7 della Juventus ha dato il meglio di sé: il secondo gol, quello del vantaggio, è arrivato su una colossale papera del portiere della Lituania. Un tiro assolutamente non irresistibile quello del portoghese, ma l’estremo difensore lituano ha combinato una bella frittata, complice anche un rimpallo truffaldino che ha portato il pallone a carambolare sulla sua spalla e poi ad infilarsi in rete.

Sull’1-2 Cristiano si è preso nuovamente la scena: il terzo goal è arrivato su assist perfetto di Bernardo Silva e poi il quarto, poco dopo, aprendo il piattone a incrociare sul palo più lontano. Nella storia delle qualificazioni europee nessuno ha segnato quanto lui: 25 reti. Colui che deteneva il primato, fino a ieri sera, era Robbie Kean, con 23 goal. Ora, i prossimi record: superare quota 100 con il Portogallo e raggiungere l’iraniano Ali Daei, che ha segnato 109 gol ed è il miglior marcatore di tutti i tempi con le Nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *